Piracy, passport, soul

 

 

You all know about this sense of superiority when telling something like “Oh you know what he/she said or have done to me?”. So I am trying to write this down keeping the mystery of “it could be also my responsibility” inside the heart.

So, here comes the experiment.

I’ve made a list of things about italians that were always getting on my nerves (well, arguments can be already raised up as long as I have an italian passport) and I added also the special categories of italiani living abroad. Then I tried to check out if I also tend to have some of those behaviours.

The fact is that in the past I’ve been replay opened to new proposals, new solutions for breakfast, new habits and I guess I have to thank my two open minded parents, my attitude itself and sacred friendships.

But first things first:

ITALIANS IN ITALY AND ABROAD:

_Take a person for granted even when the relation is just at the beginning. Not to mention what happens when the person is known from a long time, then any sort of crystallisation occurs;

_Not being ready to the surprising possibility of being wrong;

_Talking all the time about food;

_Criticise other countries that do not share the same lucky weather and conditions so fruits and greens are less delicious; 

_Not being used or interested in a real collaboration and not getting what it means and implies;

_Forcing others as a result of not having a real contact with the personal will;

_Emotional childishness combined with a mind incapable to shut up or just observe: the result is a constant need to comment anything and total incapacity of deep listening;

_Not getting the fact that a person could have more than one skill or talent and any desire to show it off. If you do not show it off in a place where everyone does it, if you do not enter in the game of “i’ve met/I’ve done/I know” then you are a loser;

_Being so self centred that would be impossible to sit and listen to what is happening in a inner level; 

_Always asking for favours without any concern of balance, respect, justice;

_Being always afraid to remain “Zitella or scapolo” (not married, without a family) as a result of false conviction and programs coming from the family;

_Criticising or being controversial or sarcastic all the time even when it is not really necessary;

ITALIANS ABROAD:

_Not putting any effort to learn a new language or a decent english or at least the language spoken in the land where they decided to move;

_Hiddenly hating the place where they landed and where they are living because they would rather stay in Italy and eat well. Result: complaining a lot;

_Take other cultures for granted and quickly taking offence when someone says something referred to the italian culture;

_Not interested at all on what another person might be able to share or offer, comparison is always around the corner;

_If they are more than one, they feel superior or they behave like a pack of wild animals. On the other hand, if is an individual alone, she/he might be overwhelmed by feelings of inferiority.

Most of the listed factors explain a lot about why it is hard for some of us to be taken a bit more seriously from others when living abroad. I am trying to observe those aspects by myself with a lot of patience.

I am personally asking myself how many times I’ve been invasive, how many times I took someone or something for granted, or when it happened that I was forcing someone or commenting everything. It happened. And I am writing all down. Sometimes this colourful and alive approach is also appreciated, but many times also quite inappropriate.

We made something to climate and the same with people. Forcing someone into a box is the same as forcing a plant to product more or forcing the sea to become some sort of a gigantic trash bag.

Since I am abroad many people comment whether if I perform a lot of gestures as I am supposed to do as an italian or if I eat pasta or drink coffe or. Sometimes I would just like to stop them talking by pointing an animal passing by or hugging them. Of course my mum sending me truffle, extra virgin oil, coffe warmed up my heart but being invited to eat in a dutch family was the same. It was not about the food, more about the mother saying Alstjeblieft when serving me (so I finally understood that you can use it also as a “there you go” thing) and the pets around and a real welcoming spirit.

With the same friend I’ve been to an italian restaurant. The waiters – trying to be funny but not being funny at all:

1 “why do you want to learn dutch? It is not useful!” (laziness and lack of respect)

2 “why are you sharing a pizza instead of having two for each, order two pizzas c’mon” (trying to force the will)

3 ignoring my friend and continuing speaking italian (taking things for granted)

4 behaving like we’ve been friends forever just because I come from Italy so starting asking questions on a personal level (the pack of wild animals behaviour).

5 “Which kind of italian you are that you have dinner at 18 like them”. (Them/they/us creating separation patterns)

Or I was not replying or I was using a perfect english or the dutch words I know. My friend got frightened a bit because of my face expressions.  When they were not ignoring my friend (can’t accept this), they were speaking this awful, terrible english.

The real blessing is a combination of awareness, good habits and the possibility of vulnerability and get advantage of this wonderful body/brain plasticity inhabiting us.

This writing wants to be a kind of candle, a light bulb, first of all for me.

A reminder for following the direction of a concrete creative disobedience and piracy. With piracy I mean: recognition and rejection of values ​​and habits that had never questioned and that are silently poisoning the soul. And the soul is the treasure.

The earth is the earth, the seas are the seas and the skin is our precious skin.

 

PIRATERIA, PASSAPORTO, ANIMA

 

Sapete di quel senso di superiorità di quando si racconta “oh sai che ha fatto quello, sai che ha fatto quell’altro?” sto provando a scrivere questo pezzo cercando di tenere quel mistero di “potrei essere anche mia responsabilità” dentro al cuore.

Allora, ho fatto un esperimento.

Ho elencato le cose che mi danno davvero da sempre fastidio degli italiani (mettersi fuori dall’insieme causa già diversi argomenti, avendo io passaporto italiano) e le ho sommate a quelle che mi danno fastidio degli italiani all’estero.

Poi ho provato a tenere nota di quando ho io questi atteggiamenti.

Di fatto sono apre stata aperta a nuove proposte, soluzioni per diverse colazioni, nuove abitudini e credo debba ringraziare le menti aperte dei miei genitori per questo, la mia propria natura e le mie sacre amicizie.

Andiamo per ordine:

ITALIANI IN PATRIA E ALL’ESTERO:

⁃ Dare per scontato una persona quando la si conosce anche da poco, per non parlare di cosa accade quando una persona la si conosce da tempo, allora accadono le peggio cristallizzazioni;

⁃ Non essere mai pronti alla sorpresa di sbagliarsi;

⁃ Parlare di cibo continuamente;

⁃ Criticare gli altri paesi che per ragioni atmosferiche etc est non hanno la stessa fortuna di frutti rigogliosi e ottimi;

⁃ Non sapere cosa sia la collaborazione, non averne sviluppato lo spirito, non averne cercato il senso;

⁃ Forzare gli altri, non rispettare la volontà come conseguenza di non avere un contatto nutriente e profondo con la propria volontà;

⁃ Infantilità emotiva combinata a una mente che non sa stare zitta o auto-osservarsi: il risultato è quello di dover commentare sempre, qualsiasi cosa e relativa incapacità di ascolto profondo;

⁃ Non pensare che una persona possa cambiare vita, innamorarsi di una persona di diverso colore, età, genere etc etc e avere il coraggio di tirare fuori la cosa;

⁃ Non comprendere che una persona possa avere più di un talento e nessuna voglia di show off (esibire, descriversi con paroloni). Se non si mostra in modo superbo viene preso per un perdente, quindi diventa molto difficile lavorare sull’ego, perché sono tutti impegnati a dire io ho fatto io ho visto io ho conosciuto;

⁃ Essere talmente concentrati su se stessi/e da non valutare la possibilità di sedersi e sentire cosa accade dentro;

– Chiedere di continuo favori senza avere il senso dell’equilibrio, del rispetto, della giustizia;

⁃ Paura di essere scapoli/e, zitella/e, etc etc quindi paura della solitudine sacra anche in forza degli “appalti” e programmazioni messe dai familiari;

⁃ Provocare, fare polemica, ricorrere al sarcasmo anche quando non è davvero necessario (forse non lo è mai davvero);

ITALIANI ALL”ESTERO:

⁃ Non sforzarsi minimamente di imparare bene inglese o la lingua dove hanno scelto di vivere;

⁃ Sotto sotto odiare il posto dove sono andati perché sarebbero voluti rimanere in Italia. Risultato: lamentele frequenti;

⁃ Dare per scontato le altre culture e offendersi quando qualcuno la provenienza italiana;

⁃ Non sono minimamente interessanti a ciò che l’altro può offrire o condividere. Il paragone con se stessi è sempre dietro l’angolo e non in un modo produttivo;

⁃ Se sono in più di uno, come il branco, scherniscono. Al contrario, se sono soli potrebbero essere assalito da un pesante senso di inferiorità.

Alcuni fattori di cui sopra confermano per quale ragione alcuni di noi devono battersi tanto per essere presi sul serio all’estero.

Ora, io sto provando a estirpare i residui di queste cose da me, con tanta pazienza.

Mi sto chiedendo quante volte sono invasiva, dò per scontato, forzo gli altri, commento sempre. E sto appuntando tutto, perché, di fatto, queste cose accadono. Sono anche qualità e approcci coloriti, piacevoli a volte, ma altre volte davvero fuori luogo.

Al clima abbiamo fatto qualcosa e lo stesso alle persone, provando a metterle in delle scatole, stessa cosa provando a forze le piante a produrre di più o a trasformare il mare in una specie di sacco della spazzatura gigante.

Molte persone qui commentano se gesticolo, se non gesticolo, se mangio pasta, se non mangio abbastanza pasta, a volte vorrei solo zittirli con un abbraccio o indicando un animale che passa. Il pacco che mia madre mi ha spedito con caffé, tartufo, olio di certo mi ha scaldato il cuore, ma è successo lo stesso anche a casa dei genitori di una mia amica. Non si trattava del cibo quanto della mamma che mi dice alstjeblieft mentre mi serve e io capisco finalmente che viene usato anche per dire come “ecco a te” o “prego” e gli animali domestici intorno e un vero spirito di accoglienza.

Con la stessa amica olandese qualche giorno fa siamo state in un ristorante italiano.

I camerieri – volendo fare i simpatici e non essendolo affatto: 

1 “Perché vuoi impure l’olandese che non serve a niente” (pigrizia e mancanza di rispetto)

2 “Perché una pizza in due? Daje, ordinatene due, non fare la ridicola!” (Provare a forzare la volontà, mancanza di cortesia e tatto verso il cliente)

3 Hanno ignorato la mia amica per diverso tempo (Prebdere le cose per scontate e mancare di rispetto)

4 Comportarsi da amiconi solo perché siamo nati in Italia  e fare domande a livello personale (presi in branco, terribili)

5 “Ma che ceni anche tu alle 6 come loro? Che italiana sei?” (Loro/noi, meccanismi di separazione in atto)

O non rispondevo affatto o in un inglese perfetto o nelle parole di olandese che so finora. Le espressioni sul mio volto hanno spaventato la mia amica. Quando no la ignoravano (inaccettabile), si rivolgevano a lei con questo inglese terribile, pessimo.

La vera benedizione è una combinazione di consapevolezza, buone abitudini e la possibilità di essere vulnerabili e trarre vantaggio da questa fantastica plasiticità fisica e mentale che ci abita.

Questo scritto vuole essere una specie di candela, una lampadina, prima di tutto per me. Qualcosa da valutare per andare nella direzione di una concreta disobbedienza creativa e pirateria intesa come riconoscimento e rifiuto di valori e abitudini mai messe in discussione e silenziosamente avvelenanti l’anima, che invece è il tesoro.

Cercare di muoversi nei giorni sentendo che la terra è terra e che i mari sono mari e la pelle è pelle.

 

 

 

Posted on 27 Agosto 2018 in Soma & Soul

Share the Story

About the Author

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to Top